Archivi del mese: gennaio 2012

Rischio

Pippo:  -Mamma ma quando è che son diventato grande ? Mimì:  -Visto Pippo come si diventa grandi alla svelta? Un pezzettino tutti i giorni ma si fa alla svelta no? Ti piace la cosa? Pippo: – boh… Mimì:- Guarda che … Continua a leggere

Pubblicato in bambini, mamme, musica, pensieri, tenerezza, vita | 1 commento

L’Ida

Ma badate se pensavo di ritrovarmi dentro un pasticceria alle cinque di un pomeriggio congelato a pensare all’Ida. Deve essere perchè l’ho vista poco fa stesa sul suo ultimo letto, nella camera mortuaria n° 3 della Misericordia. Era tutta precisa l’Ida, … Continua a leggere

Pubblicato in musica, nonni, pensieri, ricordi, vita | 4 commenti

Al box della Memoria

Oggi è scioperodei treni. Mimì è rimasta a casa perchè l’idea di incastrare l’uso della macchina con quello, molto più aleatorio, che ne fa il mau e poi infognarsi in autostrada con l’ansia dei possibili tir fermi a protestare la … Continua a leggere

Pubblicato in pensieri, ricordi, umore, vita | 3 commenti

Date un pennarello a mimì

Stamani riflettevo sul fatto che l’atteggiamento di curiosità maniacale mista a malinconia che ultimamente attanaglia la mimì nei confronti delle scritte fatte con gli uniposca sulla vinpelle bluette dei sedili del treno è preoccupante. Sì, è preoccupante anche perchè lei … Continua a leggere

Pubblicato in desideri, famiglia, musica, pensieri, vita | 3 commenti

Srotolamento d’anima al lunedì

L’aver inteso, finalmente, dopo un anno e mezzo di presenza in questa sede lavorativa, come si configura il reggi-rotolone della carta da mani nel bagno delle donne m’ha reso improvvisamente stamani, in questo lunedì impastato di sonno e di giramento … Continua a leggere

Pubblicato in lavoro, musica, umore, vita | 3 commenti

Scoperte fra le coperte

Scoprire di domenica mattina, immmersa nei piumoni e cuscini che prendono aria alla finestra, che un cantante nero dagli  improbabili occhiali da sole ha creato una canzone che usa il ritornello di The Riddle di Nik Kershaw, stupisce. E soprire … Continua a leggere

Pubblicato in 40 anni, vita | 2 commenti

Punti di colore

Stamani in treno c’è chi parla al telfono con SamantHa di cose private e la chiama amore a voce alta e la invoca nei tratti in cui non c’è abbastanza segnale. Avrei voglia di chiedere a quell’uomo che nome è … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti