Archivi del mese: aprile 2009

Compagno di merende

Toh, é arrivato Sting, qui nelle colline Toscane? Allora é d’obbligo un piccolo aggiornamento alla Play, così, sull’ora della merenda: -‘Englishman in new york’    –   Sting " Be yourself, no matter what they say… be yourself, no matter what they … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

E dopo l'aglio e oglio…

Dopo l’aglio dopo l’oglio e dopo i pomodorini, ché si vede il peperoncino, quello buono, costa troppo per la mensa, ecco la Play odierna (senza il Jack, oggi, che mi é sparito, anche dalla chat…) , un pò odorosa, pure … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

China Bus

Stamane, grazie alle idee geniali che ogni tanto Trenitalia tira fuori dal cappello-neanche-a-cilindro-ché-é-troppo-elegante-costa-na-cifra, Mimì ha perso la coincidenza. Ha ripiegato sul solito bus pieno di cinesi diretti all’ambasciata del sol levante (ultimamente nascosta dentro un cantiere; per forza, se non … Continua a leggere

Pubblicato in cibo, lavoro, treni | 6 commenti

A pancia piena

A pancia piena, a fine pausa pranzo Ecco la consueta : – ‘Zombie’   Cranberries – ‘Citrosodina’  Sergio Caputo – ‘Running through my head’    T.a.T.o – ‘Stranamore’   Roberto Vecchioni (ma da questa mia ultima scelta il Jack si dissocia, … Continua a leggere

Pubblicato in musica, pausa | 6 commenti

Pane e cipolla

Tempo fa, mentre pranzavo a mensa con la mia collega-e-anche-un-pò-amica BB (che non sta Brigitte Bardot), parlavamo di borse griffate. Di quelle belle, di quelle un pò ridicole, di quelle seriosissime e di quelle che ci piacciono tanto ma che … Continua a leggere

Pubblicato in cibo, soldi | 2 commenti

Colpo di Coda

– ‘Amandoti ‘  (cccp o csi e cantata da Gianna Nannini) Colpo di coda della Playlist di oggi. Ora la canto al Pippo per vedere se lo distoglie un pò da Mia Libertà del Baglioni del ’71. E poi anche … Continua a leggere

Pubblicato in figli, musica | Lascia un commento

Fede non piagne, ti prego

Ier sera ero sola. Il Pippo era nei sogni, col suo pallone abbracciato stretto (se vorrà diventar calciatore non glielo impedirò, sento che non ne avrò la forza, mi limiterò a subire la sua scelta sperando solo che non vada … Continua a leggere

Pubblicato in soldi, tristezza, tv | 2 commenti