Le strofe del riassunto, Ora

E va bene, diciamo che per ri-rompere il ghiaccio co sto blogghe  m’è cascata a fagiolo la canzona del Liga che il distinto signore dai capelli brizzolati ma non troppo ascoltava stamani in treno.

E va bene, diciamo che le strofe del disgelo incarnano alla perfezione e riassumono tutto il sentire della mimì degli ultimi mesi. E son stati mesi complicati.

E va bene, diciamo che ancora però non ho ben chiaro quale sia il mio stile ma va bene così e che intanto il titolo lo metto in fondo al post, come ho sempre fatto, per l’appunto.

“Un conto è volere vedere le stelle, un conto è farsi guidare.
Un conto è saperle là in alto e lasciarle un pò fare.
Un conto è la rabbia che provi a vent’anni,
un conto è la rabbia a quaranta.
Un conto che intanto non sembra cambiare mai niente.

Sai che ora e allora e ancora così
a rubare l’amore che si fa rubare.

Un conto è la mappa di tutti i locali, un conto è dovere star fuori.
Un conto è sentire che riesci a lasciarti dormire.

Un conto è svegliarti e sentirti già stanco,
un conto è trovarlo di fianco.
Un conto è sentire che il fuoco non è ancora spento.

Tanto ora e allora e ancora così
a rubare l’amore che si fa rubare.
Ora e allora e quando sarà
su una fune sottile
con il proprio stile.

Un conto è la vita che imposta il suo gioco,
un conto è averlo capito.
Un conto è ripeterti spesso che sei fortunata.

Tanto ora e allora e ancora così
a rubare l’amore che si fa rubare.
Ora e allora e quando sarà
su una fune sottile
con il proprio stile.

– Ligabue    ” Ora e Allora”

Annunci

Informazioni su mimimetallurgica

Sono io ma sono anche MimiMetallurgica e non sono ferita nell'onore, solo a volte.Ho un marito architetto ed un Pippo che CI somiglia, anche se tutti dicono che somiglia solo a lui.Al marito. Non sono un operaio siciliano ma per vivere faccio software. E per farlo son diventata una pendolare. Non é mai stata la mia passione ( il software; il pendolarismo già di più ). Diciamo che é stata più che altro una sfida. Vinta, sotto tanti aspetti ma non tutti. Diciamo che il software lo amo e lo odio. Diciamo però che ormai non riesco più a separarmene. Diciamo che se mi permette di scrivere e di leggere la vita allora lo amo di più. Mi piace perché mi permette di leggere Storie e raccontare Storie ed é dalle Storie che si impara a vivere. Mi piace perché mi permette di leggere di Canzoni e scrivere di Canozni ed é anche dalle Canzoni che si impara a vivere. A vivere meglio. Le persone, le cose e le storie presenti in questo spazio stanno a metà fra la realtà e la fantasia. A volte.
Questa voce è stata pubblicata in 40 anni, musica, vita. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le strofe del riassunto, Ora

  1. intorno ai 40 ha detto:

    non è come Splinder qua. il primo amore non si scorda mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...