Senza rete

A noi due, casalinghismo.
Il Pavor Diurnus sta salendo a ondate e a dire il vero é più notturno che diurno, considerando che la Mimì é affetta una strana tosse che le tiene sveglia mediamente fino alle quattro del mattino quando poi crolla avvinta come l’edera avvinghiata ai tre cuscini con cui tenta di stare seduta nel letto, che pare sia l’unico modo per respirare decentemente.
Tosse che per ora non si arrende nemmeno davanti alla macchinetta per l’aerosol, che diligentemente produce vapore medicale in particelle finissime e gliele spara dentro alla gola due volte al dì’.

Oggi é lunedì, siamo senza il fondamentale aiuto psico-fisico del Mau, il natale é passato e qui inizia il vero casalinghismo, la vera lotta con una Mimì che parte svantaggiata in quanto provata dal rantolo selvaggio che la avvolge durante la notte e non la fa riposare.

Stavolta poi si tratta di un casalinghismo senza rete di salvataggio, in quanto il panciuto omone canuto ha portato via con sé tutti i ciucciotti del Pippo, diventati merce di scambio rispettivamente con:

-n° 2 elisoccorso con tanto di playmobilli in barella, ambulanza annessa e motosoccorso da neve

-n° 1 scuolabus giallo ospitante uno sparuto gruppo di playmobilli allegri che chiedono solo di esser condotti all’asilo, ignorando che é attualmente chiuso fino a quaddo arriba la befana, come il Pippo si é affrettato a spiegar loro

-motovedetta dei carabinieri che viaggia sul lindo specchio d’acqua della vasca dei pesci (lindo perché i pesci non ci sono più) nel giardino dei nonni Oli, imbarcando però una copiosa quantità d’acqua che la costringe fuori a sgocciolare ogni cinque minuti circa

-trenino di plastica colorato con rotaie componibili, coloratissime pure quelle, e che ha ottenuto immediatamente il più alto indice di gradimento da parte di un Pippo vittima del mal di farrobéa ormai da giorni.

Beh, che dire, il Pippo ha gradito molto tali doni ma quando si tratta di fare la nanna non conosce il modo di rilassarsi, di lasciarsi andare, e mormora piangente che lui non li voleva quei regali, lui vuole LUI, il ciuccio.
E di fronte ad una Mimì che fermamente cerca di non commuoversi e risponde che i ciucci sono andati in cielo dai bambini piccini, quelli senza denti, quelli che ne hanno bisogno, la personcina risponde con la palpebra calante:

-IO ancora pissino, IO ancòòòòra bisogno, no loro

O rispondigli Mimì, digli che non é vero.
Qui urge della  musica, cara Mimì , senza si fa male…

-Biagio Antonacci     "Quanto tempo e ancora"
-Gianna Nannini & Giorgia     "Salvami"
-Natalie Imbruglia    "Want"

 

Annunci

Informazioni su mimimetallurgica

Sono io ma sono anche MimiMetallurgica e non sono ferita nell'onore, solo a volte.Ho un marito architetto ed un Pippo che CI somiglia, anche se tutti dicono che somiglia solo a lui.Al marito. Non sono un operaio siciliano ma per vivere faccio software. E per farlo son diventata una pendolare. Non é mai stata la mia passione ( il software; il pendolarismo già di più ). Diciamo che é stata più che altro una sfida. Vinta, sotto tanti aspetti ma non tutti. Diciamo che il software lo amo e lo odio. Diciamo però che ormai non riesco più a separarmene. Diciamo che se mi permette di scrivere e di leggere la vita allora lo amo di più. Mi piace perché mi permette di leggere Storie e raccontare Storie ed é dalle Storie che si impara a vivere. Mi piace perché mi permette di leggere di Canzoni e scrivere di Canozni ed é anche dalle Canzoni che si impara a vivere. A vivere meglio. Le persone, le cose e le storie presenti in questo spazio stanno a metà fra la realtà e la fantasia. A volte.
Questa voce è stata pubblicata in bambini, battaglie, casalinghismo, febbre, musica, sconforto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Senza rete

  1. zhuangzi ha detto:

    in effetti è dura povero piccino..
    come dargli torto ?

    e infatti io sto” con lui,
    la mamma è ‘na strunz !!

    🙂

    beccati questa 😀

  2. povna ha detto:

     Son passata di qui attratta dalla musica e dal treno. Noto altre somiglianze. Ripasserò per leggere con più attenzione. Intanto, ciao e complimenti!

  3. utente anonimo ha detto:

    Ohh, mio dio…alle parole del Pippo ho composto il numero del Telefono Azzurro..stanno arrivando…con un carico di ciucci!!
    Pippo resisti!
    Sempre tua Arancella.

  4. MarraS ha detto:

    @Arancella: il Pippo sta resistendo alla grande. Siamo noi piuttosto provati direi…

    @povna: pendolare pure tu ? 😀

    @zhua: sempre stata nel profondo, caro mio, sempre. Solo che troppe volte me ne dimentico.Ma vedi, i figli servono anche a ricordarti tante cose  😀  😀  .-D 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...